IBS: Sindrome dell'Intestino Irritabile.

L'IBS è un disturbo cronico che interessa non solo il colon ma anche altri tratti dell'intestino. Non si tratta di una malattia, ma appunto di una sindrome, cioè una raccolta di sintomi che caratterizzano i soggetti che ne sono affetti. Il grado sintomatologico ha vari gradi di intensità, e i sintomi caratterizzanti sono: dolore addominale, gonfiore, irregolarità intestinale, diarrea, stitichezza o alternanza di entrambe (alvo alterno). Ovviamente LA DIAGNOSI DI IBS DEVE ESSERE FATTA DA UN MEDICO, il quale escluderà patologie con quadro sintomatologico sovrapponibile, come la celiachia, una disbiosi intestinale (SIBO), la sindrome dell'intestino permeabile, allergie alimentari, o condizioni più gravi, quali una malattia infiammatoria cronica o un tumore intestinale.
Al momento non esiste un farmaco in grado di curare l'IBS: tutti i farmaci utilizzati attualmente sono esclusivamente "sintomatici", quali antidiarroici, lassativi, carminativi, ansiolitici.
Noi crediamo che l'approccio giusto non sia limitarsi a eliminare i sintomi, ma sia quello di cercare di capire cosa stia succedendo nel singolo individuo.

Quindi la terapia dell'IBS deve basarsi sul riequilibrio e/o ripristino delle normali funzioni dell'intero ecosistema intestinale. Ad esempio, si andrà a ripristinare la funzione barriera della membrana intestinale, in modo da avere un'azione selettiva che permetta l'ingresso di nutrienti e impedisca l'accesso di patogeni, tossine; si cercherà di equilibrare il microbiota, per modulare la risposta immunitaria e l'infiammazione, e così via.
L'approccio deve essere sistemico, deve tenere in considerazione le specifiche funzioni di ogni livello dell'intestino.